Il brivido corre tra i graniti: trekking a Arzachena

Alla scoperta del primo parco avventura su roccia della Sardegna. Ad Arzachena alla Contea di Rena le emozioni sono assicurate, tra trekking, ferrate e teleferiche

Un contesto naturale perfetto, da far invidia alle più conosciute mete di escursionismo e ferrate nel mondo. E insieme la tenacia, la passione e anche l’amore. Sono gli ingredienti di uno dei luoghi più attrattivi, magici ed emozionanti della Sardegna, e sta in Gallura.
È, la Contea di Rena, il primo Parco avventura interamente su roccia dell’Isola. Si trova a soli tre chilometri da Arzachena, il secondo centro gallurese dopo Olbia, immersa nella natura dalle caratteristiche rocce granitiche tipiche di questa parte di Sardegna, gli ulivi, la macchia mediterranea e il vento di maestrale.
Qui Fabio Viglioli ed Elisa Asara hanno creato una nuova meta turistica, scelta dai tantissimi appassionati di trekking, escursionismo e vie ferrate che scelgono l’Isola per le vacanze.

 

Natura ed emozioni

Un posto per amanti della natura e delle passeggiate in relax, ma anche per chi ha voglia di brivido dell’altezza, per chi cerca un’emozione forte in totale sicurezza. Ce n’è per tutti, anche per gli appassionati delle produzioni gastronomiche locali e biologiche o i “cercatori” di miele.
La storia di Fabio ed Elisa insieme inizia tra calate in doppia corda e percorsi trekking in giro per la Sardegna. Si conoscono, si innamorano e cominciano a fantasticare. Nasce l’idea di realizzare il parco in un contesto naturale meraviglioso, sulla strada secondaria che da Arzachena porta alle saline di Palau – nella punta più a nord dell’Isola madre e di fronte all’Arcipelago di La Maddalena – costeggiata dai caratteristici tafoni (le monumentali rocce granitiche scavate galluresi). Sono i terreni di famiglia, la casa dove Fabio è cresciuto, così i due decidono di lasciare i loro vecchi lavori per costruire, abbarbicati sui graniti, la loro nuova vita.

Avventura e trekking a Arzachena

Gli elementi della parte sportiva e avventuristica sono il trekking, una ferrata, un ponte tibetano e due teleferiche. Tutti sospesi e agganciati tra i graniti che assumono forme curiose e affascinanti, regalando scorci e inquadrature degne dei più sfegatati Instragrammers (la comunità del social network di fotografie Instagram), che qui hanno pure voluto organizzare un raduno.
Una delle attrazioni per gli amanti del brivido sono le teleferiche, la seconda è stata inaugurata silenziosamente durante il periodo di restrizioni dovute al Covid.
Ci si può lanciare appesi ai cavi d’acciaio per cento metri tutto in totale sicurezza. La Contea si estende in altezza fino ad un enorme masso con una sottile croce eretta in cima. I due chilometri e mezzo di sentieri di trekking si percorrono facilmente e in autonomia, sono tutti ben segnalati con pietre, cartelli in legno e punti rossi dipinti sulle rocce.

 

Le grotte naturali, yoga e meditazione

Il percorso regala momenti magici, con gli attraversamenti tra le maestose rocce di Monte Tundu e i tafoni, le cavità naturali del granito prodotte dall’erosione. Il termine è di origine corsa, ma in sardo gallurese si chiamano conchi. Nella Contea si trova una delle più grandi grotte di questo tipo della zona, alta 18 metri, è la Conca di li colbi (Grotta dei corvi).
Lassù, ai piedi di quella conca i tramonti sono uno spettacolo e il miglior modo che è venuto in mente a Fabio ed Elisa per condividere quella meraviglia coi propri ospiti, è stata costruire una pedana in legno adatta per la pratica dello yoga e della meditazione.
Tutto alla Contea riconduce alla natura e al legame dell’uomo con il territorio che lo circonda.

Condividi

La Contea di Rena

Il Parco La Contea di Rena si trova vicino ad Arzachena in località Rena. È possibile effettuare una prenotazione per qualsiasi giorno della settimana – dal lunedì alla domenica – è richiesto un minimo di 4 persone.

Prenota

Iscrizione alla Newsletter

Inviando questa richiesta, confermo di aver letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento che i miei dati vengano elaborati in modo da fornire il servizio richiesto. Vedi l'informativa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin