Il Parco nazionale de La Maddalena è molto di più di un arcipelago

Fortificazioni militari, oasi naturale, graniti e preziosi minerali, crocevia di storia, culture e archeologia nel Parco Nazionale de La Maddalena. Tutto questo e molto di più è un luogo che vale da solo un viaggio nel nord-est della Sardegna.

Il parco si estende nel tratto di mare tra la Sardegna e la Corsica, noto come le Bocche di Bonifacio. Un parco geo marino che si estende su una superficie di circa 18.000 ettari, dei quali 5.000 ettari di superficie terrestre e 13.000 marina, 180 chilometri di coste e oltre 60 isole.

 

Area di eccellenza ambientale

Il parco rientra nella rete europea delle aree di eccellenza ambientale ed è estremamente salvaguardato: diporto, pesca, immersioni sono consentite ma devono essere autorizzate. È un paesaggio suggestivo per morfologia e flora. Quasi mille le specie vegetali, circa 50 endemiche, altre rarissime. Molto particolare la fauna. La spiaggia Rosa di Budelli, per esempio, deriva dai sedimenti di un piccolo organismo che aderisce a conchiglie, alghe, coralli e gusci. Caratteristica è la pinna nobilis, il più grande mollusco bivalve del Mediterraneo. Il delfino tursiope è il cetaceo più comune, nel parco vivono anche esemplari della tartaruga caretta-caretta e tra i volatili dominano il gabbiano corso e il marangone dal ciuffo.

 

Cultura, storia e archeologia marina nel Parco Nazionale de La Maddalena

Conosciute e frequentate fin dall’antichità, le isole dell’Arcipelago maddalenino sono uno scrigno di memorie e di tesori sommersi come testimoniano i reperti archeologici rinvenuti tra cui spicca la grande nave oneraria romana affondata tra il 120 e il 110 A.C. nelle acque di Spargi (Secca Corsara). Parte del prezioso carico di anfore e suppellettili salvato dalle razzie si può ammirare nel museo archeologico navale di La Maddalena dedicato all’archeologo Nino Lamboglia.
Oltre all’agglomerato di Stagnali a Caprera, sede dei centri di educazione ambientale e di ricerca sui cetacei e dei Musei mineralogico e del mare, che espongono minerali, fossili, sabbie, conchiglie, flora e fauna, l’unico centro abitato dell’arcipelago è La Maddalena, fondata nel 1770 e a lungo base della Marina.
L’arcipelago è passaggio obbligato del Mediterraneo: la sua posizione strategica attrasse Napoleone Bonaparte e l’ammiraglio Nelson. Mentre Garibaldi visse a Caprera i suoi ultimi 26 anni: la figura dell’Eroe dei due mondi è raccontata nel Compendio Garibaldino.
Un mare inconfondibile e temuto e che, insieme alle imprevedibili Bocche di Bonifacio, ha rappresentato una delle vie d’acqua più trafficate del mediterraneo.

La spiaggia rosa di Budelli come un’opera d’arte

La Spiaggia Rosa dell’isola di Budelli nell’Arcipelago di La Maddalena è così denominata per via del suo caratteristico colore rosa corallino. Da cosa deriva il colore rosa della spiaggia? Dai gusci calcarei che hanno origine soprattutto nella prateria a Posidonia oceanica, che dopo il loro disfacimento si depositano sull’arenile grazie alle correnti di deriva litorale e alle correnti di fondo. È una delle aree più tutelate dell’intero Arcipelago di La Maddalena e a questo scopo sono vietati l’accesso all’arenile, il transito o la sosta dei mezzi nautici nello specchio acqueo antistante e la balneazione. La si può ammirare a distanza, come un’opera, preservandone così la bellezza e favorendo il processo biologico che dà origine alla sua colorazione naturale.
Fra le spiagge dell’isola de La Maddalena da non perdere Bassa Trinita, le cale Francese e Lunga, Monti d’a Rena, Punta Tegge e Spalmatore.

 

Visitare l’Arcipelago di La Maddalena con un tour

Fra le isole Spargi, proprio di fronte all’Hotel La Coluccia, del gruppo Felix Hotels. Imperdibile Caprera, Razzoli, Santa Maria e Santo Stefano. Tutte mete di indimenticabili tour in barca che partono da Baja Sardinia, La Maddalena, Palau e Santa Teresa Gallura. Le insenature creano una miriade di approdi, i colori del mare sono unici, le rocce plasmate come monumenti naturali e i fondali un paradiso del diving, in particolare le secche di Spargiotello e di Washington, punta Coticcio e grottino di san Francesco.

 

Condividi

Come raggiungere La Maddalena

Prenota direttamente presso il Felix Hotels dove hai scelto di soggiornare. Goditi un tour individuale o di gruppo e scopri La Maddalena e l’Arcipelago.

Prenota

Iscrizione alla Newsletter

Inviando questa richiesta, confermo di aver letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento che i miei dati vengano elaborati in modo da fornire il servizio richiesto. Vedi l'informativa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin