Cosa fare a Olbia quando piove: idee per una vacanza diversa

Potrà apparire incredibile a chi immagina la Sardegna come un paese tropicale, eppure, anche se molto più raramente che altrove, il tempo può non essere clemente.
E allora chi si è immaginato una vacanza sempre a mollo nelle acque cristalline del nostro mare si porrà una domanda a cui magari non sa dare risposta: cosa fare a Olbia quando c’è brutto tempo.

Fortunatamente la nostra città, seppure non grande, possiede numerose possibilità di passare le proprie vacanze in modo piacevole.
Qui ne illustriamo alcune, suddivise per tema

Siti di interesse culturale
Una passeggiata in centro
Visitare le cantine

 


 

 

Siti di interesse culturale

Olbia ed il suo circondario sono abitati da prima del 2000 a.C.. Qui la cività nuragica si è espressa qui nella sua forma più classica e monumentale, e Fenici, Cartaginesi, Romani ed il medievale Giudicato di Gallura hanno lasciato importanti testimonianze.

Tomba dei giganti di Su monte e S’abe

Questo importante e suggestivo luogo di sepoltura collettiva fu costruito tra il 2000 e 1600 a.C.. Ad una primitiva struttura simile a quella di un Dolmen allungato fu aggiunta successivamente la grande stele di granito, alta 4 metri, e le panche laterali tipiche di quella forma “a testa di toro” che si ritrova in molte altre parti della Sardegna. L’ingresso al sito è gratuito.

Nuraghe di Riu Mulinu

Il grande nuraghe di Riu Mulinu, costruito intorno al 1200 a.C. domina il golfo di Olbia. Circondato da una corte muraria di oltre 200 metri che in certi punti raggiunge ancora oggi i 4metri di altezza per 3 di spessore, questo nuraghe monotorre è largo al suo intrerno 8 metri. Dalla sua sommità si può ammirare tutta l’area fino all’ isola di Tavolara e oltre. L’ingresso al sito è gratuito.

Rovine delle Mura Puniche

Olbia, fondata da coloni greci ma subito dopo occupata dai fenici e quindi dai cartaginesi, è una delle poche città del mediterraneo che abbiano, all’interno del centro abitato, i resti delle mura costruite in quell’epoca (introno al 300 a.C.). Si trovano nel centro della città (via Torino) ed è facile raggiungerle a piedi.

Acquedotto Romano

Anche a Olbia, così come in molte altre città del mediterraneo, in epoca romana fu costruito un acquedotto. Quello olbiese partendo da una condotta sotterranea porta da una fonte porta l’acqua da una fonte posta a oltre 3 km dalla città. Una ampia vasca di decantazione, ancora oggi visitabile, i basamenti dei piloni che sorreggevano le arcate, ed i ruderi della parte terminale che si trovano nel centro della città danno bene l’idea della grandezza dell’opera. Visitabile gratuitamente, si trova a pochi minuti di auto dal nostro Hotel Felix Olbia.

Basilica di San Simplicio

Costruita nel XI secolo in granito locale è sovrapposta su una precedente paleocristinana, la Basilica di San Simplicio è il più antico tempio cristiano presente nella Sardegna nord orientale. Al di sotto della basilica infatti sono visibili, passando per il parcheggio sotterraneo sottostante, le mura originarie della costruzione. Dedicata al santo patrono di Olbia, questa basilica è il centro della “festa manna” che si celebra il 15 maggio. Si trova a poche centinaia di metri dal centro cittadino.

 

Museo Archeologico di Olbia

Il museo Archelogico di Olbia è una bella costruzione moderna che si affaccia sul mare e si trova nelle immediate vicinanze del municipio. Suddivisa in sale ordinate in ordine cronologico, contiene svariati reperti di epoca fenicia, punica, romana e medioevale. Di particolare interesse la sala che contiene il relitto di una nave romana, affondata durante una incursione dei Vandali nel 450 d.C.
L’ingresso è libero.

 


Una passeggiata in centro

Se la giornata non è adatta al mare Olbia offre la possibilità di una piacevole passeggiata nel centro cittadino.

Questo si sviluppa dal municipio, una curata costruzione in stile liberty dei primi del ‘900, verso Corso Umberto, un viale pedonale lastricato che nella sua parte iniziale presenta addirittura la originaria pavimentazione stradale romana. Nel Corso sono presenti numerose attività commerciali di tutti i tipi, negozi di artigiani locali ma in particolare è sviluppata l’offerta gastronomiche.
Infatti la impetuosa crescita della città negli ultimi decenni e la presenza di un turismo sempre più internazionale si riflette sull’offerta gastronomica. Sarà possibile vedere lavorare fianco a fianco i tradizionali ristoranti che offrono cucina marinara a locali di cucina etnica, pizzerie e cocktail bar, gelaterie artigianali e bakery in stile USA.

Nella stagione estiva, inoltre, un vivace mercatino di bancarelle offre un’ulteriore possibilità di passare del tempo libero curiosando tra lampade, oggetti di artigianato, abbigliamento e tanto altro ancora.
Le strette vie laterali al Corso sono anch’esse interranti, ed offrono oltre che originali scorci da fotografare anche un assortimento di ristoranti e locali per il dopo cena.


 

 

 

Visita alle cantine di Olbia

L’area immediatamente adiacente ad Olbia offre anche la possibilità di vistare numerose cantine. Il territorio collinare che ne è il retroterra offre ha visto la nascita di numerose cantine che offrono la possibilità di visite guidate
Qui trovate una lista breve, non completamente esaustiva ed in rigoroso ordine alfabetico delle cantine che potete trovare nel raggio di 15 km dal centro cittadino ed a pochi minuti di auto dal nostro Hotel Felix Olbia.
Senz’altro una buona soluzione per passare la giornata quando a Olbia quando c’è brutto tempo.

Cantina Mancini

La Cantina delle Vigne di Piero Mancini produce dal 1989 vini come il Vermentino di Gallura DOCG, utilizzando le uve provenienti dalle vigne di proprietà, situate nella zona della Gallura in Sardegna.
Sito web

 

Cantina Murales

La cantina Murales produce nella sua azienda bianchi, rossi e rosati. Inoltre spumanti metodo classico e un vino bianco dolce da uve stramature.
Sito web

 

Cantina Mura

L’azienda nasce nel 1975 nella vallata di Azzanidò, lungo il fiume “Sa Castanza”. Produce vermentino (azienda iscritta al Consorzio di Tutela dl Vermentino di Gallura D.O.C.G. ), cannonau e bovale sardo.
Sito web

Tenute Olbios

Olbios significa terra felice, prospera, ricca. il nome che gli antichi Greci diedero alla nostra Terra. L’azienda vinicola produce vermentino, un rosso IGT ed uno spumante metodo classico.
Sito web

 

Vigneti Zanatta

E’ una giovane azienda nata nel 2003 dal connubio di due terre vocate, per natura e tradizione, alla produzione di vino: Sardegna e Veneto. Produce rossi cannonau e vermentino DOCG.
Sito web

Vini La Contralta

E’ nuova realtà che vuole utilizzare tutto quello che la Natura in Sardegna ha da offrire. Produce Rossi (Cannonau e Carignano IGT) e Vermentino.
Sito web

 

 

Come abbiamo visto, Olbia non è solo decine di spiagge meravigliose, ma offre anche la possibilità di passare piacevoli momenti di svago e di arricchimento culturale.
Insomma se non sapete cosa fare quando a Olbia c’è brutto tempo e avete letto questo articolo, siamo certi di avervi dato qualche idea.

Condividi

Spunti e idee su attività e luoghi da visitare a Olbia e dintorni in caso di maltempo.

Prenota

Iscrizione alla Newsletter

Inviando questa richiesta, confermo di aver letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento che i miei dati vengano elaborati in modo da fornire il servizio richiesto. Vedi l'informativa