5 cose da vedere assolutamente a Nuoro

5 cose da vedere assolutamente a Nuoro

Nuoro (mi raccomando l’accento va sulla u, perciò la pronuncia corretta è Nùoro) è la Sardegna che non ti aspetti.
Nuoro è paesaggi montani con il loro fascino aspro ed il clima che gode di temperature accettabili anche in piena estate, è cultura con la C maiuscola con i suoi curati ed attivissimi musei, è avanguardia e progresso: Grazia Deledda è stata il primo italiano Premio Nobel alla letteratura quando in Italia le donne per la maggior parte a stento finivano la scuola dell’obbligo.
Nuoro sorprende per un centro storico curato, per le tradizioni orgogliosamente portate avanti a partire dalla lingua sarda, per essere “altro” dal tradizionale stereotipo della Sardegna tutta spiagge e movida costiera.
E allora scopriamo 5 cose da vedere assolutamente a Nuoro, in una giornata o meglio più di una. Perché Nuoro merita di essere visitata con calma, staccandosi se possibile dal turismo mordi e fuggi che, qui più che altrove, stona.
Passate la notte a Nuoro nel nostro comodo Residence Hotel Grandi Magazzini, magari dopo una giornata intensa terminata con una buona cena.
Oppure, dopo averla visitata, potete utilizzare Nuoro come base per i vostri spostamenti in altre località. La costa con località incantevoli come Cala Gonone non dista neppure 45 minuti in auto, e altri incantevoli borghi del centro Sardegna come Mamoiada, Orgosolo e Oliena sono raggiungibili in mezz’ora o meno.

5 cose da vedere assolutamente a NuoroNuoro ha la montagna dentro: il monte Ortobene.

Non è un modo di dire, che possa servire a descrivere il carattere dei nuoresi.
Nuoro ha davvero un monte che domina la città e che dista poco più di 10 minuti di auto dal centro. Dalla sommità di Cuccuru Nigheddu, a quasi mille metri, una imponente statua del Redentore completa questa montagna che Grazia Deledda definisce magistralmente. “È il nostro cuore, è l’anima nostra, il nostro carattere, tutto ciò che vi è di grande e di piccolo, di dolce e duro e aspro e doloroso in noi”.
L’Ortobene è una vera area montana estesa ben 1600 ettari, belle passeggiate per boschi di lecci e querce ben tenuti e con segnaletica del CAI, ma è anche fede con la processione della Sagra del Redentore che si svolge l’ultima settimana di agosto.
Se poi volete raccogliervi un attimo in un ambiente davvero particolare, al rientro da Monte Ortobene potete fare una sosta alla chiesa della Madonne della Solitudine. Questa semplice ma suggestiva chiesa di origine campestre costruita originariamente nel ‘600 (è ancora presente l’originale campana del 1622 dalla storia davvero originale) è stata successivamente ricostruita ed oggi ospita un bellissimo portale d’ingresso in bronzo di E. Tavolara ed al suo interno le spoglie di Grazia Deledda in un severo sarcofago di granito nero.
Quest’area può essere definita l’anima di questa città, che giustamente la differenzia da quelle costiere non perché più o meno bella, ma semplicemente diversa nel suo essere, autenticamente, Sardegna.

5 cose da vedere assolutamente a Nuoro

Lollove, dove il tempo si è fermato

Non è un modo di dire. Andare a Lollove (il nome è vero, non una trovata di qualche pubblicitario) è veramente fare un viaggio nel tempo a circa 15 minuti di auto dal centro di Nuoro. Pare di sentire, passando tra le vie strette di questo paese quasi abbandonato (gli abitanti residenti sono una ventina), il rumore dei carri dei contadini e le voci dei suoi antichi abitanti. La bella chiesetta di San Biagio del ‘500 e le case pietra, una locanda, un’atmosfera quasi fatata e davvero fuori dal tempo fanno di Lollove una vera esperienza che vale la pena provare.

5 cose da vedere assolutamente a Nuoro

Il MAN, l’arte contemporanea in Sardegna

Se a Lollove vi sarete sentiti sbalzati in un passato remoto immobile ed immutabile, probabilmente non troverete in Sardegna (ed a fatica in Italia) qualcosa di più moderno del MAN in termini di arti figurative.
Il MAN, acronimo di Museo d’arte della provincia di Nuoro, si è sempre distinto fin dalla sua fondazione per la grande cura con cui le collezioni (imperdibile quella pittori Sardi del 900) vengono presentate e per una costante attività di mostre di livello internazionale, sempre legate alla contemporaneità ed attualità dei progetti.
Si trova in Carrera Bustianu Satta 27, nel centro storico cittadino, di un palazzotto dei primi del ‘900 poco appariscente. Ma varcato l’ingresso, ci si potrebbe trovare in un museo di Copenaghen o Toronto. Le collezioni sono molto ben presentate in ambienti minimalisti che però sono configurati in modo da dare l’idea non solo di museo ma anche di un laboratorio di sperimentazione.
Una iniezione potente di contemporaneo, attuale e perfino futuro, così inaspettata che siamo certi vi sorprenderà piacevolmente. Il tutto ad appena 8 minuti a piedi dal nostro Residence Hotel a Nuoro.

5 cose da vedere assolutamente a Nuoro

Il Museo Etnografico Sardo

Il Museo Etnografico Sardo o Museo del costume è una rappresentazione colorata, plastica e molto realistica di quello che è stata la quotidianità della Sardegna rurale per secoli, fino al secondo dopoguerra.
Il Museo è stato inteso, fin dalla sua stessa costruzione, come una sorta di percorso in una realtà immersiva incredibilmente attuale se si considera che fu progettato tra gli anni 50 e 60 del secolo scorso. L’area museale si snoda in ben dieci sale tematiche, ed era stata intesa dal suo geniale progettista Antoni Simon Mossa come un borgo in cui si susseguono tutti gli elementi della vita di un borgo in Sardegna. La ricchezza e la cura dell’esposizione rendono questo museo davvero interessante per tutti i tipi di pubblico. Per un anziano sarà un tuffo nei suoi ricordi, per un “diversamente giovane” una interessante esplorazione in un qualcosa che gli è stato solo raccontato, per un teenager semplicemente sembrerà di vedere la vita su un altro pianeta. Non a caso è forse il più visitato dell’isola e giustamente molto frequentato da un pubblico estero che vuole conoscere la Sardegna in modo più approfondito.

Il centro storico di Nuoro

Di ogni città il centro storico è l’elemento caratterizzante, quello che esprime meglio il carattere del luogo. In questo Nuoro non fa eccezione, ed anzi a chi ha letto romanzi di Sebastiano Satta o Grazia Deledda fare un giro in quartieri come Santu Pedru camminare a piedi in quelle vie farà un effetto particolare.

Piazza Sebastiano Satta

La piazza dedicata al celebre scrittore nuorese si trova all’ingresso del quartiere di Santu Pedru ed è stata costrutita tra il 1965-67 su progetto dell’artiste e scultore oranese Costantino Nivola. La scenografia, partendo dallo sfondo bianco degli edifici circostanti, vede una piazza dalla forma irregolare ed arredata con sedute simili a piedistalli praticabili in cui si ergono blocchi di granito lasciati allo stato grezzo, provenienti dal monte Ortobene. L’effetto visivo finale è arioso e originale, perchè da ogni punto di arrivo alla piazza si coglierà una prospettiva diversa.

Il museo Deleddiano

Siete venuti a Nuoro perché appassionati dei romanzi di Grazia Deledda? Non potete non fare una visita al Museo Deleddiano, la casa dove ha vissuto la celebre scrittrice in cui sono custoditi centinaia di manoscritti, fotografie e documenti originali che ne ripercorrono la vita.

Santa Maria della Neve

Sicuramente da vedere la cattedrale di Santa Maria della Neve, una chiesa in stile neoclassico dalle misure importanti, ma non meno bella al suo interno la piccola chiesa della Madonna delle Grazie, di epoca spagnola e posta nel quartiere di Seuna.

Nuoro da gustare

Ma il centro storico di Nuoro non è solo Arte e Cultura.
Infatti tra le vie strette e tortuose del centro cittadino farete fatica a scegliere il ristorante. Questa cittadina, infatti, si caratterizza per una offerta gastronomica varia. All’offerta del ristorante tipico si associa quella del locale che offre una rivisitazione contemporanea delle tradizioni sarde con risultati davvero sorprendenti, e poi pizzerie e paninoteche che inseriscono immancabilmente nei loro menu l’ingrediente locale e caratteristico che fa la differenza. Dal nostro Residence Hotel a Nuoro molti di essi sono raggiungibili a piedi nel giro di 15 minuti al massimo.

Condividi

Forse dire che ci sono 5 cose da vedere assolutamente a Nuoro è un po’ riduttivo. Per certo Nuoro è una città sorprendente, ricca di scorci fotografabili ma anche con una offerta culturale di prim’ordine e la natura che partecipa al paesaggio urbano.
Visitare Nuoro è anche approcciare al turismo in modo meno “mordi e fuggi” perché non ci si passa per caso ma si sceglie di arrivarci. Speriamo con questa breve guida di avervi dato qualche motivo in più per farlo.

Prenota

Iscrizione alla Newsletter

Inviando questa richiesta, confermo di aver letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento che i miei dati vengano elaborati in modo da fornire il servizio richiesto. Vedi l'informativa